Donne e Letteratura: Annie Ernaux

Annie Ernaux, l’eroina della serata che Marisa (con Silvia alle letture) ci ha offerto venerdì scorso, è una scrittrice francese che solo negli ultimi tempi si è fatta conoscere in Italia, ma la ragione del suo successo editoriale sembra legata alla sua speciale capacità di tradurre in romanzi la propria stessa vita. Una vita attraversata da esperienze tutto sommato non insolite per una donna (il conflitto adolescenziale con i genitori, le seduzioni e gli abbandoni, il dramma di un aborto, la perdita della madre), dunque non una vita rocambolesca ma proprio una vita in cui moltissime donne possono riconoscere un po’ delle proprie.
Marisa ha aggiunto questa figura femminile – dibattuta tra l’emotività e l’autocontrollo – alla sua ricca galleria di donne, ognuna volta per volta emblematica di quella complessa realtà che viene definita l’altra metà del cielo.
Ottimo e abbondante il pubblico venuto ad ascoltare e impaziente di non perdersi una nuova performance della nostra abilissima affabulatrice. Marisa infatti ci ha raccontato un romanzo fatto di più romanzi, il romanzo di una vita, la vita di Annie.
Dote di Marisa è anche quella di saper raccontare, perché non basterebbero la preparazione e la cultura se mancasse il talento comunicativo e didattico, che in lei conosciamo bene e che non ci delude mai. Voi che non c’eravate, avreste dovuto sentire l’intensità e la durata dell’applauso che ha premiato entrambe le presentatrici al termine della loro esposizione.
Silvia perfettamente nel ruolo e molto attenta ha coadiuvato Marisa nelle letture, trasmettendoci i caratteri salienti dello stile di questa Autrice, che parla di drammi e sofferenze con una freddezza chirurgica.
Ma il testo integrale è a vostra disposizione QUI, e crediamo che non ve lo perderete.
Grazie a tutti e a presto con nuove fantasmagoriche avventure!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.